Facebook Pixel

Commentario al Testo Unico dell’edilizia

La guida completa al TUE
Prezzo speciale 60,80 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 64,00 €
Disponibile

Autori Eugenio Lequaglie

Pagine 968
Data pubblicazione Aprile 2022
Data ristampa
ISBN 8891652560
ean 9788891652560
Tipo Cartaceo
Sottotitolo La guida completa al TUE
Collana Fondamentali per l'edilizia
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori Eugenio Lequaglie

Pagine 968
Data pubblicazione Aprile 2022
Data ristampa
ISBN 8891652560
ean 9788891652560
Tipo Cartaceo
Sottotitolo La guida completa al TUE
Collana Fondamentali per l'edilizia
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
Comprende aggiornamento online alla legge 27 aprile 2022, n. 34 di conversione del d.l. 1° marzo 2022, n. 17 (c.d. decreto Bollette o decreto Energia)

L’esigenza di disporre di un testo di supporto per l’interpretazione e l’applicazione della complessa normativa in materia edilizia e che abbia al contempo le caratteristiche di compattezza ed essenzialità, ha portato alla realizzazione di questo commentario.
L’organicità del quadro normativo introdotto dal Testo Unico dell’Edilizia si è andata perdendo negli anni, a seguito delle numerose e successive stratificazioni normative, fino alle ultime disposizioni emanate che hanno apportato modifiche rilevanti nell’architettura del testo di legge.
Il volume nasce dall’esperienza dell’autore, che ha realizzato un commentario vero e proprio al Testo unico dell’edilizia.
L’opera esce con tutte le novità intervenute nel tempo sul testo originario, comprese le necessarie integrazioni con le diverse fonti “esterne” che sono state recentemente emanate.
Non da ultimo il testo è arricchito con numerose annotazioni di giurisprudenza, raccolte e organizzate per una rapida ed efficace ricerca.
Eugenio Lequaglie Avvocato libero professionista del foro di Verona. Docente in corsi di formazione e aggiornamento, autore di manuali ed articoli, è esperto in materia urbanistica ed edilizia e governo del territorio.

Comprende aggiornamento online alla legge 27 aprile 2022, n. 34 di conversione del d.l. 1° marzo 2022, n. 17 (c.d. decreto Bollette o decreto Energia)

1. Edilizia, urbanistica ed architettura
2. Evoluzione della legislazione urbanistica ed edilizia dall’Unità d’Italia fino alla legge urbanistica del 17 agosto 1942, n. 1150
3. L’urbanistica della ricostruzione e del boom economico degli anni Sessanta
4. L’urbanistica e l’edilizia degli anni Settanta e Ottanta
5. La legislazione dei piani in materia paesaggistico-ambientale
6. L’avvio negli anni Novanta dell’urbanistica per programmi
7. Le riforme della Pubblica Amministrazione di fine secolo
8. I vincoli urbanistici
9. Il decentramento e la seconda generazione delle leggi urbanistiche regionali
PARTE I - ATTIVITÀ EDILIZIA
TITOLO I - Disposizioni generali
Capo I - Attività edilizia
Art. 1 (L) - Ambito di applicazione
1.1. Attività edilizia: nozione
1.2. Iter di formazione del testo unico
1.3. Struttura del testo unico approvato con d.P.R. n. 380/2001
1.4. Le norme raccolte nel testo unico
1.5. I principi fondamentali e generali dell’attività edilizia
Giurisprudenza
1.6. Le norme edilizie escluse dal testo unico
1.7. Gli interventi in zone soggette a vincolo idrogeologico
1.8. Gli insediamenti ed impianti produttivi e Sportello Unico per le Attività Produttive
1.9. Gli interventi “produttivi” esclusi dallo Sportello Unico per le Attività Produttive
Art. 2 (L) - Competenze delle regioni e degli enti locali
2.1. Il “governo del territorio” nella Costituzione
2.2. La potestà legislativa in materia edilizia nelle regioni a statuto ordinario
2.3. Rapporti tra normativa statale “fondamentale” e normativa regionale “concorrente”
2.4. Il rapporto tra competenza legislativa dello Stato e delle regioni a statuto ordinario: il caso del condono edilizio introdotto con legge statale
2.5. La potestà legislativa in materia edilizia delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e Bolzano
2.6. Il rapporto tra competenza legislativa dello Stato e delle regioni a statuto speciale nel caso della legge statale sul condono edilizio
2.7. Le competenze dei comuni
Art. 2-bis (L) - Deroghe in materia di limiti di distanza tra fabbricati
2 bis.1. Le distanze tra costruzioni
Giurisprudenza
2 bis.2. Le altre norme del codice civile sulle distanze
2 bis.3. Le distanze tra edifici con “pareti finestrate”
2 bis.4. I tentativi delle leggi regionali di derogare all’art. 9 del d.m. n. 1444 del 1968
2 bis.5. Il tentativo del legislatore statale con il decreto “del fare” del 2013 di consentire alle regioni di derogare alla normativa sulle distanze tra costruzioni ai sensi dell’art. 9 del d.m. n. 1444/1968
2 bis.6. L’intervento del c.d. decreto “Sblocca Cantieri” del 2019
2 bis.7. Le innovazioni introdotte dal c.d. “decreto semplificazioni” del 2020
2 bis.8. Distanze tra costruzioni “green”
2 bis.9. Le distanze dai confini
Art. 3 (L) - Definizioni degli interventi edilizi
3.1. Definizioni normative e prevalenza sulle disposizioni locali
3.2. Concetto di manutenzione in senso normativo
3.3. La manutenzione ordinaria
3.4. Casistica in tema di manutenzione ordinaria
Giurisprudenza
3.5. La manutenzione straordinaria
3.6. Casistica delle opere di manutenzione straordinaria
Giurisprudenza
3.7. Restauro e risanamento conservativo
3.8. Casistica degli interventi di restauro e di risanamento conservativo
Giurisprudenza
3.9. Ristrutturazione edilizia
3.10. Casistica e giurisprudenza sulla ristrutturazione edilizia
Giurisprudenza
3.11. Interventi di nuova costruzione
3.12. Casistica degli interventi di nuova costruzione
Giurisprudenza
3.13. La ristrutturazione urbanistica
Giurisprudenza
Art. 3-bis - Interventi di conservazione
3 bis.1. La definizione degli interventi di conservazione
3 bis.2. L’interpretazione dell’istituto da parte della Corte Costituzionale
3 bis.3. Gli istituti dell’urbanistica concertata
Art. 4 (L) - Regolamenti edilizi comunali
4.1. Il Regolamento edilizio e le sue fonti
4.2. Inquadramento giuridico del Regolamento edilizio
4.3. Competenza nell’emanazione e contenuto del Regolamento edilizio
4.4. Rapporto tra Regolamento edilizio e strumenti urbanistici
4.5. Commissione edilizia
4.6. Regolamento tipo
Art. 5 (R) - Sportello unico per l’edilizia
5.1. Cosa è lo Sportello Unico dell’Edilizia (SUE)?
5.2. Cosa fa il SUE?
5.3. La conferenza di servizi
5.4. I richiami del SUE nel TUE e leggi collegate
TITOLO II - Titoli abilitativi
Capo I - Disposizioni generali
Art. 6 (L) - Attività edilizia libera
6.1. La semplificazione in materia edilizia: la c.d. legge Madia ed i relativi decreti attuativi (d.lgs. n. 126/2016, c.d. decreto SCIA 1, e d.lgs. n. 222/2016, cd. decreto SCIA 2)
6.2. Attività edilizie libere
6.3. Adempimenti connessi all’attività edilizia libera
Giurisprudenza
6.4. Glossario Edilizia Libera
6.5. La potestà regionale in materia di attività edilizia libera
Art. 6-bis - Interventi subordinati a comunicazione di inizio lavori asseverata
6 bis.1. Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA)
6 bis.2. Casistica
Giurisprudenza
6 bis.3. Potestà normativa regionale in materia di CILA
6 bis.4. Sanzioni
Giurisprudenza
Art. 7 (L) - Attività edilizia delle pubbliche amministrazioni
7.1. L’attività edilizia della Pubblica Amministrazione in deroga al TUE
7.2. Gli accordi di programma
Giurisprudenza
Art. 8 (L) - Attività edilizia dei privati su aree demaniali
8.1. Il demanio e i beni pubblici
Giurisprudenza
8.2. L’attività edilizia del privato su beni demaniali
Giurisprudenza
Art. 9 (L) - Attività edilizia in assenza di pianificazione urbanistica
9.1. L’attività edilizia e la pianificazione urbanistica
9.2. L’attività edilizia in assenza di pianificazione urbanistica
Art. 9-bis - Documentazione amministrativa e stato legittimo degli immobili
9 bis.1. La documentazione amministrativa in generale e nei procedimenti edilizi
9 bis.2. Lo stato legittimo di un immobile
Giurisprudenza
Capo II - Permesso di costruire
Sezione I - Nozione e caratteristiche
Art. 10 (L) - Interventi subordinati a permesso di costruire
10.1. Natura giuridica del permesso di costruire: da concessione edilizia a permesso di costruire
10.2. Carattere in relazione alla consistenza dell’intervento ed all’impatto sul territorio
10.3. Casistica
10.4. Gli spazi per l’autonomia legislativa regionale. Possibilità di ampliare la casistica
Art. 11 (L) - Caratteristiche del permesso di costruire
11.1. Titolarità del permesso di costruire
11.2. La trasferibilità del permesso di costruire
11.3. Il rapporto tra il rilascio del permesso di costruire e i diritti dei terzi
11.4. Irrevocabilità del permesso di costruire ed il suo annullamento. Onerosità (rinvio)
Art. 12 (L) - Presupposti per il rilascio del permesso di costruire
12.1. I presupposti per il rilascio del permesso di costruire
12.2. Le misure di salvaguardia
12.3. Potere straordinario di sospensione del rilascio del permesso di costruire
Art. 13 (L) - Competenza al rilascio del permesso di costruire
13.1. I soggetti della Pubblica Amministrazione nel procedimento amministrativo edilizio
13.2. I poteri sostitutivi regionali e trasparenza in materia edilizia
Art. 14 (L) - Permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici
14.1. Il permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici
14.2. Leggi speciali in tema di interventi in deroga agli strumenti urbanistici
Art. 15 - Efficacia temporale e decadenza del permesso di costruire
15.1.I termini massimi per l’inizio e l’ultimazione dei lavori
15.2. La decadenza del permesso di costruire
Giurisprudenza
Sezione II - Contributo di costruzione
Art. 16 (L) - Contributo per il rilascio del permesso di costruire
16.1. L’onerosità del permesso di costruire
16.2. Contributo di costruzione a seguito del cambio di destinazione d’uso
16.3. L’imputazione in bilancio dei proventi dei titoli edilizi
Giurisprudenza
Art. 17 (L) - Riduzione o esonero dal contributo di costruzione
17.1.Casi di riduzione del contributo
17.2.Casi di esenzione dal contributo di costruzione
Giurisprudenza
Art. 18 (L) - Convenzione-tipo
18.1. L’edilizia convenzionata
18.2. La convenzione tipo
18.3. Il regime semplificato
Art. 19 (L) - Contributo di costruzione per opere o impianti non destinate alla residenza
19.1. Contributo di costruzione per opere o impianti non destinati alla residenza
19.2. Costruzioni o impianti destinati ad attività turistiche, commerciali, direzionali e allo svolgimento di servizi
19.3. Contributo di costruzione a seguito del mutamento della destinazione d’uso
Giurisprudenza
Sezione III – Procedimento
Art. 20 - Procedimento per il rilascio del permesso di costruire
20.1. Il procedimento per il rilascio del permesso di costruire
20.2. Il silenzio-assenso
20.3. Il reato di false attestazioni o dichiarazioni nella richiesta di permesso di costruire
445 Art. 21 (R) - Intervento sostitutivo regionale
21.1. Intervento sostitutivo regionale
Capo III - Segnalazione certificata di inizio di attività
Art. 22 (L) - Interventi subordinati a segnalazione certificata di inizio di attività
22.1. La segnalazione certificata di inizio attività (c.d. SCIA)
22.2. Il “procedimento” di SCIA
22.3. La tutela giurisdizionale nei confronti della SCIA
Giurisprudenza
Art. 23 (L commi 3 e 4 – R commi 1, 2, 5, 6 e 7) - Interventi subordinati a segnalazione certificata di inizio di attività in alternativa al permesso di costruire
23.1. La SCIA alternativa al permesso di costruire
23.2. Il procedimento di SCIA in alternativa al permesso di costruire
Giurisprudenza
Art. 23-bis - Autorizzazioni preliminari alla segnalazione certificata di inizio attività e alla comunicazione dell’inizio dei lavori
23 bis.1. Le semplificazioni procedimentali in materia di SCIA
Art. 23-ter - Mutamento d’uso urbanisticamente rilevante
23 ter.1. Modificazioni delle destinazioni d’uso giuridicamente rilevanti
Art. 23-quater - Usi temporanei
23 quater.1. L’uso temporaneo
TITOLO III - Agibilità degli edifici
Capo I - Certificato di agibilità
Art. 24 (L) - Agibilità
24.1. Agibilità e abitabilità
24.2. L’attestazione tramite Segnalazione Certificata di Agibilità (SCA)
24.3. Sanzioni
Giurisprudenza
Art. 25 - Procedimento di rilascio del certificato di agibilità
Art. 26 (L) - Dichiarazione di inagibilità
26.1. La dichiarazione “sanitaria” di inabitabilità
TITOLO IV - Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia, responsabilità e sanzioni
Capo I - Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia e responsabilità
Art. 27 (L) - Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia
27.1. La vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia
Giurisprudenza
27.2. L’obbligo di rapporto e l’inizio della funzione di vigilanza
Giurisprudenza
27.3. I poteri di intervento immediato
27.4. L’ordine di sospensione dei lavori
Giurisprudenza
Art. 28 (L) - Vigilanza su opere di amministrazioni statali
28.1. La vigilanza sulle opere statali
Giurisprudenza
Art. 28-bis - Permesso di costruire convenzionato
28 bis.1. Il permesso di costruire convenzionato
28 bis.2. La convenzione urbanistica
28 bis.3. Attuazione regionale e procedimento
Giurisprudenza
Art. 29 (L) - Responsabilità del titolare del permesso di costruire, del committente, del costruttore e del direttore dei lavori, nonché anche del progettista per le opere subordinate a segnalazione certificata di inizio attività
29.1. La responsabilità del titolare del permesso a costruire, del committente e del costruttore
Giurisprudenza
29.2. La responsabilità del direttore dei lavori
Giurisprudenza
29.3. La responsabilità del progettista
Giurisprudenza
29.4. Estensione della disciplina sanzionatoria a seguito del d.lgs. n. 301/2002
Capo II – Sanzioni
1. Le diverse tipologie di sanzioni
Giurisprudenza
Art. 30 (L) - Lottizzazione abusiva
30.1. La nozione di lottizzazione abusiva
Giurisprudenza
30.2. La lottizzazione c.d. sulla carta o formale
Giurisprudenza
30.3. Le sanzioni civili per la lottizzazione abusiva. Il certificato di destinazione urbanistica
Giurisprudenza
30.4. Atti aventi per oggetto lotti di terreno per i quali sia stata emessa ordinanza di sospensione
Giurisprudenza
30.5. Ulteriori prescrizioni relative all’accertamento della lottizzazione abusiva
Art. 31 (L) - Interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire in totale difformità o con variazioni essenziali
31.1. Gli abusi edilizi c.d. gravi
Giurisprudenza
31.2. Le fasi del procedimento sanzionatorio
Giurisprudenza
31.3. L’ingiunzione a demolire
Giurisprudenza
31.4. L’acquisizione al patrimonio del comune
Giurisprudenza
31.5. Demolizione o acquisizione dell’area
Giurisprudenza
31.6. Le ulteriori sanzioni pecuniarie
Giurisprudenza
31.7. Abusi edilizi su aree vincolate
Giurisprudenza
31.8. Il “controllo” del segretario comunale
31.9. L’intervento sostitutivo della regione
Giurisprudenza
Art. 32 (L) - Determinazione delle variazioni essenziali
32.1. Le variazioni essenziali al progetto
Giurisprudenza
Art. 33 (L) - Interventi di ristrutturazione edilizia in assenza di permesso di costruire o in totale difformità
33.1. Gli interventi di ristrutturazione edilizia in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire e il loro regime sanzionatorio
Giurisprudenza
Art. 34 (L) - Interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire
34.1. L’intervento parzialmente difforme dal permesso di costruire
Giurisprudenza
34.2. Le sanzioni per l’intervento parzialmente difforme
Giurisprudenza
Art. 34-bis - Tolleranze costruttive
34 bis.1. Le tolleranze “costruttive” e le tolleranze “esecutive”
Giurisprudenza
Art. 35 (L) - Interventi abusivi realizzati su suoli di proprietà dello Stato o di enti pubblici
35.1. Il regime sanzionatorio degli interventi abusivi su proprietà pubblica
Giurisprudenza
Art. 36 (L) - Accertamento di conformità
36.1. L’accertamento di conformità
36.2. I termini per la domanda di sanatoria
Giurisprudenza
36.3. Il silenzio-rigetto sulla domanda di sanatoria
Giurisprudenza
36.4. La c.d. doppia conformità alla disciplina urbanistica
Giurisprudenza
36.5. Il pagamento dell’oblazione
36.6. Il condono edilizio
666 36.7. L’ultimo condono edilizio del 2003
36.8. La sentenza della Corte Costituzionale 28 giugno 2004, n. 196 (che ha dichiarato la parziale illegittimità delle norme sul nuovo condono edilizio)
36.9. Il c.d. “condono ambientale” contenuto nella legge 15 dicembre 2004, n. 308
Art. 37 (L) - Interventi eseguiti in assenza o in difformità dalla segnalazione certificata di inizio attività e accertamento di conformità
37.1. Gli abusi edilizi connessi alla SCIA
37.2. La sanatoria in caso di mancata presentazione di SCIA
Giurisprudenza
Art. 38 (L) - Interventi eseguiti in base a permesso annullato
38.1. L’annullamento del permesso di costruire
38.2. La c.d. fiscalizzazione dell’abuso
38.3. La tutela dell’affidamento del privato
Giurisprudenza
Art. 39 (L) - Annullamento del permesso di costruire da parte della regione
39.1. L’annullamento regionale del permesso di costruire
Giurisprudenza
39.2. I poteri del comune nelle more dell’esercizio del potere sostitutivo della regione
Art. 40 (L) - Sospensione o demolizione di interventi abusivi da parte della regione
40.1. I provvedimenti sanzionatori della regione
Giurisprudenza
Art. 41 (L) - Demolizione di opere abusive
41.1. La demolizione di opere abusive
Art. 42 (L) - Ritardato od omesso versamento del contributo di costruzione
42.1. L’inadempimento nel versamento del contributo per il permesso di costruire
Giurisprudenza
Art. 43 (L) - Riscossione
43.1. La riscossione coattiva del contributo del permesso di costruire
Giurisprudenza
43.2. Il diverso orientamento (preferibile) che ritiene operante il rinvio alla normativa che disciplina la riscossione tramite ruolo
Giurisprudenza
43.3. La riscossione delle polizze fideiussorie
Giurisprudenza
43.4. Il contenzioso relativo all’escussione delle polizze fideiussorie
Giurisprudenza
Art. 44 (L) - Sanzioni penali
44.1. Le diverse fattispecie incriminatrici previste dall’art. 44 del d.P.R. n. 380/2001
Giurisprudenza
44.2. Il reato paesaggistico (art. 181, comma 1, d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42)
Giurisprudenza
44.3. La demolizione ordinata dal giudice penale
Giurisprudenza
Art. 45 (L) - Norme relative all’azione penale
45.1. La pregiudiziale amministrativa rispetto all’azione penale
45.2. Gli effetti estintivi penali del condono edilizio
Art. 46 (L) - Nullità degli atti giuridici relativi ad edifici la cui costruzione abusiva sia iniziata dopo il 17 marzo 1985
46.1. Gli edifici abusivi costruiti dopo il 17 marzo 1985: nullità degli atti di trasferimento
46.2. Le modifiche introdotte dalla legge sul condono edilizio del 2003
46.3. L’obbligo di inserire i dati catastali ai sensi della legge 30 luglio 2010, n. 122
Giurisprudenza
Art. 47 (L) - Sanzioni a carico dei notai
47.1. Sanzioni a carico dei notai
Art. 48 (L) - Aziende erogatrici di servizi pubblici
48.1. Il divieto di erogazione di servizi pubblici essenziali alle abitazioni abusive
Giurisprudenza
Capo III - Disposizioni fiscali
Art. 49 (L) - Disposizioni fiscali
49.1. Le disposizioni fiscali connesse agli interventi edilizi
Art. 50 (L) - Agevolazioni tributarie in caso di sanatoria
50.1. Le agevolazioni tributarie per le sanatorie
Giurisprudenza
Art. 51 (L) - Finanziamenti pubblici e sanatoria
51.1. Finanziamenti pubblici e sanatoria
51.2. Inquadramento generale della norma
51.3. Indennizzi in caso di calamità naturali
51.4. Le zone alluvionali
51.5. Le tre fasi per la realizzazione dei Piani di gestione
51.6. Indennizzi in caso di eventi in zone sismiche
51.7. Le zone sismiche
PARTE II - NORMATIVA TECNICA PER L’EDILIZIA
Capo I - Disposizioni di carattere generale
Art. 52 (L) - Tipo di strutture e norme tecniche
52.1. La normativa tecnica per le costruzioni (NTC)
Art. 53 (L) - Definizioni
Art. 54 (L) - Sistemi costruttivi
54.1. Sistemi costruttivi
Art. 55 (L) - Edifici in muratura
Art. 56 (L) - Edifici con struttura a pannelli portanti
Art. 57 (L) - Edifici con strutture intelaiate
Art. 58 (L) - Produzione in serie in stabilimenti di manufatti in conglomerato normale e precompresso e di manufatti complessi in metallo
Art. 59 (L) - Laboratori
59.1. Laboratori ufficiali
Art. 60 (L) - Emanazione di norme tecniche
Art. 61 (L) - Abitati da consolidare
61.1. Abitati da consolidare e l’autorizzazione regionale
Art. 62 (L) - Utilizzazione di edifici
62.1. La licenza d’uso per gli edifici costruiti in cemento armato
Art. 63 (L) - Opere pubbliche
63.1. Normativa tecnica per le opere pubbliche
Capo II - Disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica
Sezione I – Adempimenti
Art. 64 (L) - Progettazione, direzione, esecuzione, responsabilità
64.1. La realizzazione delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica
Art. 65 - Denuncia dei lavori di realizzazione e relazione a struttura ultimata di opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica
65.1. La denuncia dei lavori e la relazione finale
Art. 66 (L) - Documenti in cantiere
66.1. I documenti di cantiere
Art. 67 (L, comma 1, 2, 4 e 8; R, i commi 3, 5, 6 e 7) - Collaudo statico
67.1. Il collaudo statico
Sezione II - Vigilanza
Art. 68 (L) – Controlli
68.1. Attività di vigilanza
Art. 69 (L) - Accertamenti delle violazioni
69.1. Disposizioni sanzionatorie
Art. 70 (L) - Sospensione dei lavori
70.1. Il provvedimento di sospensione lavori
Sezione III - Norme penali
Art. 71 (L) - Lavori abusivi
Art. 72 (L) - Omessa denuncia dei lavori
Art. 73 (L) - Responsabilità del direttore dei lavori
Art. 74 (L) - Responsabilità del collaudatore
Art. 75 (L) - Mancanza del certificato di collaudo
Art. 76 (L) - Comunicazione della sentenza
76.1. Norme penali in relazione all’esecuzione di opere in conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e a struttura metallica
Capo III - Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati aperti al pubblico
1. Il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche
Sezione I - Eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati
Art. 77 (L) - Progettazione di nuovi edifici e ristrutturazione di interi edifici
77.1. Progettazione e ristrutturazione e barriere architettoniche
Art. 78 (L) - Deliberazioni sull’eliminazione delle barriere architettoniche
78.1. Le deliberazioni condominiali sull’eliminazione delle barriere architettoniche
Art. 79 (L) - Opere finalizzate all’eliminazione delle barriere architettoniche realizzate in deroga ai regolamenti edilizi
79.1. Deroghe ai regolamenti edilizi e rispetto delle norme antisismiche, antincendio e di prevenzione degli infortuni
Art. 80 (L) - Rispetto delle norme antisismiche, antincendio e di prevenzione degli infortuni
80.1. Rispetto delle norme antisismiche, antincendio e di prevenzione degli infortuni
Art. 81 (L) – Certificazioni
81.1. La dimostrazione dell’handicap giustificante la realizzazione dei lavori
Sezione II - Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico
Art. 82 (L) - Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico
82.1. Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico
82.2.I piani di eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici già esistenti
Capo IV - Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche
1. Le costruzioni nelle zone sismiche
Sezione I - Norme per le costruzioni in zone sismiche
Art. 83 (L) - Opere disciplinate e gradi di sismicità
83.1. Le zone sismiche
Art. 84 (L) - Contenuto delle norme tecniche
84.1. Norme tecniche in zona sismica
Art. 85 (L) - Azioni sismiche
85.1. Le azioni sismiche
Art. 86 (L) - Verifica delle strutture
Art. 87 (L) - Verifica delle fondazioni
Art. 88 (L) – Deroghe
88.1. Deroghe
Art. 89 (L) - Parere sugli strumenti urbanistici
89.1. Adeguamento agli strumenti urbanistici
Art. 90 (L) - Sopraelevazioni
90.1. Le sopraelevazioni in zone sismiche
Art. 91 (L) - Riparazioni
Art. 92 (L) - Edifici di speciale importanza artistica
Sezione II - Vigilanza sulle costruzioni in zone sismiche
Art. 93 (R) - Denuncia dei lavori e presentazione dei progetti di costruzioni in zone sismiche
93.1. Vigilanza sulle costruzioni in zone sismiche
93.2. Normativa antisismica e distanze dagli edifici
Art. 94 (L) - Autorizzazione per l’inizio dei lavori
94.1. Autorizzazione per inizio lavori
Art. 94-bis (L) - Disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche
Sezione III - Repressione delle violazioni
Art. 95 (L) - Sanzioni penali
Art. 96 (L) - Accertamento delle violazioni
Art. 97 (L) - Sospensione dei lavori
Art. 98 (L) - Procedimento penale
Art. 99 (L) - Esecuzione d’ufficio
Art. 100 (L) - Competenza della regione
Art. 101 (L) - Comunicazione del provvedimento al competente ufficio tecnico della regione
Art. 102 (L) - Modalità per l’esecuzione d’ufficio
Art. 103 (L) - Vigilanza per l’osservanza delle norme tecniche
Sezione IV - Disposizioni finali
Art. 104 (L) - Costruzioni in corso in zone sismiche di nuova classificazione
Art. 105 (L) - Costruzioni eseguite col sussidio dello Stato
Art. 106 (L) - Esenzione per le opere eseguite dal genio militare
Capo V - Norme per la sicurezza degli impianti
1. Ambito oggettivo di applicazione della regolamentazione degli impianti negli edifici
2. Abilitazione all’esercizio delle attività impiantistiche e possesso dei requisiti professionali
3. La progettazione degli impianti: professionisti e responsabili tecnici delle imprese installatrici
3.1. La presentazione del progetto
4. Realizzazione e installazione degli impianti
5. La dichiarazione di conformità e certificato di agibilità
6. Manutenzione degli impianti
7. Il deposito presso lo sportello unico per l’edilizia
8. Conservazione della documentazione e obblighi di consegna
9. Il regime sanzionatorio
Capo VI - Norme per il contenimento del consumo di energia negli edifici
Art. 122 (L) - Ambito di applicazione
122.0. Le fonti della normativa italiana sull’efficienza energetica
122.1. Il tema dell’efficienza energetica
122.2. Dalla convenzione sui cambiamenti climatici di Rio de Janeiro al protocollo di Kyoto
122.3. La normativa comunitaria
122.4. Il percorso normativo nazionale a partire dalle prime leggi in tema di efficienza energetica
122.5. La trasposizione della legge 9 gennaio 1991, n. 10 nel Testo Unico dell’Edilizia
122.6. Il rendimento energetico nell’edilizia: l’attuazione della normativa comunitaria
122.7. La certificazione energetica degli edifici
122.8. La promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili e le forme di incentivazione fiscale per interventi di riduzione dei consumi
122.9. Il Superbonus 110%
Art. 123 (L) - Progettazione, messa in opera ed esercizio di edifici e di impianti
Art. 124 (L) - Limiti ai consumi di energia
Art. 125 (L – R, commi 1 e 3) - Denuncia dei lavori, relazione tecnica e progettazione degli impianti e delle opere relativi alle fonti rinnovabili di energia, al risparmio e all’uso razionale dell’energia
Art. 126 (R) - Certificazione di impianti
Art. 127 (R) - Certificazione delle opere e collaudo
Art. 128 (L) - Certificazione energetica degli edifici
Art. 129 (L) - Esercizio e manutenzione degli impianti
Art. 130 (L) - Certificazioni e informazioni ai consumatori
Art. 131 (L) - Controlli e verifiche
Art. 132 (L) – Sanzioni
Art. 133 (L) - Provvedimenti di sospensione dei lavori
Art. 134 (L) - Irregolarità rilevate dall’acquirente o dal conduttore
Art. 135 (L) – Applicazione
Art. 135-bis - Norme per l’infrastrutturazione digitale degli edifici
PARTE III - DISPOSIZIONI FINALI
Capo I - Disposizioni finali
Art. 136 (L, commi 1 e 2, lettere a), b), c), d), e), f), g), h), i), l) – R comma 2, lettera m) – Abrogazioni
136.1. Abrogazione espressa di norme precedenti in materia edilizia
Art. 137 (L) - Norme che rimangono in vigore
137.1. Norme salvate dall’abrogazione espressa
Art. 138 (L) - Entrata in vigore del testo unico
138.1. Le vicende dell’entrata in vigore del testo unico
138.2. Problematiche generate dal differimento dell’entrata in vigore del testo unico
Giurisprudenza
APPENDICE I PROCEDIMENTI DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA
Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 Art. 146 - Autorizzazione
1. La tutela del paesaggio in generale
2. L’autorizzazione paesaggistica e il regime della sanatoria in zona vincolata nel d.lgs. n. 42/2004
Decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31 - Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata
1. L’autorizzazione paesaggistica semplificata nel d.P.R. n. 31/2017
Giurisprudenza

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Commentario al Testo Unico dell’edilizia