Facebook Pixel

Il regolamento comunale di polizia mortuaria

Guida alla redazione
48,00 €
Disponibile

Autori Sereno Scolaro

Pagine 290
Data pubblicazione Luglio 2019
Data ristampa
Autori Sereno Scolaro
ISBN 8891636430
ean 9788891636430
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Guida alla redazione
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Sereno Scolaro

Pagine 290
Data pubblicazione Luglio 2019
Data ristampa
Autori Sereno Scolaro
ISBN 8891636430
ean 9788891636430
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Guida alla redazione
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

Il Regolamento comunale di Polizia Mortuaria costituisce uno degli strumenti più importanti, se non il più importante, per ogni gestione dei cimiteri, dal momento che molti aspetti trovano la propria fonte di regolazione in esso. Per questo non si presta ad essere elaborato come se fosse un regolamento “tipo”, magari da conservare nel cassetto, ma richiede di essere calato nella realtà locale, con le sue tradizioni e costumi, ma soprattutto deve essere redatto avendo come obiettivo quello di fornire “soluzioni” che, per quanto possibile, devono rispondere alle esigenze non solo del comune (o del gestore del cimitero, quando diverso), ma altresì a quelle della famiglie.
Alla parte di testo dedicata ad una possibile “traccia”, è premessa una prima Parte, nella quale si esplicitano alcuni principi ispiratori della “traccia” stessa, sia in negativo (quello che dovrebbe essere evitato), sia in positivo (quelli che dovrebbero essere gli istituti su cui delineare le “soluzioni”). In particolare, per questi, si cerca di individuare anche i prevedibili effetti, in modo da consentire a quanti debbano, nella sede locale, accingersi ad un’opera redazionale di coglierne la portata e, possibilmente, le conseguenze.
La “Guida” non deve quindi essere usata acriticamente, quanto assunta a strumento, ad ausilio per l’opera di redazione di un testo che risponda quanto più possibile alle esigenze locali.


Sereno Scolaro
Già libero professionista e dirigente comunale, docente in convegni e seminari di studio, autore di numerose pubblicazioni nelle materia dei servizi demografici.

Schema di regolamento commentato e con annotazioni per l'adeguamento alla normativa di ogni Regione

PARTE I
1. Premessa introduttiva
2. Caratteristiche contenutistiche da evitare a proposito del Regolamento comunale di Polizia mortuaria
3. Elementi contenutistici del Regolamento comunale di Polizia mortuaria oggetto di frequente omissione
4. Le forme di gestione
5. Le tariffe
PARTE II
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
Capo I - Disposizioni generali
Capo II - Feretri e trasporti funebri
Capo III - Attività funebre
TITOLO II - CIMITERI E PRATICHE FUNERARIE
Capo I - Cimiteri
Capo II - Disposizioni generali e piano regolatore cimiteriale
Capo III - Inumazione e tumulazione
Capo IV - Esumazioni ed estumulazioni
Capo V - Cremazione ed istituti connessi
Capo V-bis - Norme specifiche per alcuni cimiteri
Capo VI - Polizia dei cimiteri
TITOLO III - CONCESSIONI
Capo I - Tipologie e manutenzione delle sepolture
Capo II - Divisione, subentri, rinunce
Capo III - Revoca, decadenza, estinzione
TITOLO IV - LAVORI PRIVATI NEI CIMITERI
Capo I - Imprese e lavori privati
TITOLO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI
Capo I - Disposizioni varie
Capo II - Norme transitorie e disposizioni finali
Allegato A - Elenco dei cimiteri particolari esistenti nel comune
Allegato B
Parte prima - Disciplina generale delle tariffe per i servizi funerari e cimiteriali
Parte seconda - Elenco dei beni, servizi e prestazioni soggetti a tariffa
Parte terza - Concessioni cimiteriali
Tabella di corrispondenza dei giorni con altre unità di misura temporali
Confessione finale

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Il regolamento comunale di polizia mortuaria