SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 5%
Uno zaino troppo pesante

Uno zaino troppo pesante

Le strade per una scuola ecologica e leggera

Autori Marco Orsi
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 310
Pubblicazione Marzo 2021 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891645319 / 9788891645319
Collana Istruzione

Presentazione di Pier Cesare Rivoltella

Prezzo Online:

29,00 €

27,55 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 48h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

“Non so come saranno le cose quando uscirà questo libro. Quello che posso dire è che tutto non potrà essere come prima. Il Terzo Millennio, ricordo, si è aperto con la tragedia delle Torri Gemelle dell’11 settembre del 2001, nel 2008 abbiamo avuto una crisi economico-finanziaria paragonabile solo alla Grande Depressione del 1928. Ora, nel 2020, la pandemia globale e tutte le questioni ancora sul tappeto poste dalla Carta della Terra e dalla Agenda 2030 dell’ONU. Siamo nel bel mezzo di una transizione, lo si voglia o meno. Un momento di incertezza, di vuoto, di insicurezza. Mai come prima la società iper-tecnologica, la modernità liquida, sta facendo i conti con l’incapacità di rispondere ai bisogni essenziali del cittadino globale, mai come oggi ci siamo sentiti tanto esposti come esseri umani. Non ci eravamo più abituati, almeno noi della civiltà del benessere. Ma nell’incertezza, nella insicurezza c’è però la possibilità di capire quali sono le cose che contano davvero, quelle essenziali. Le cose più semplici che ci rendono gioiosi. È necessario tornare lì, senza nostalgie. Utilizzando le ricchezze di scienza, conoscenza e tecnologia, ma stavolta orientate in modo diverso. Ecco: il confluire di tanti approcci verso questo tema della leggerezza mi dice qualcosa di positivo. Forse è un paradigma che vale la pena di esplorare. Proviamo allora a scommettere su una leadership educativa leggera”.

Marco Orsi
è ideatore del modello “Senza Zaino per una scuola comunità” che è presente attualmente in 645 scuole (plessi) di 296 istituti in Italia. Laureato in Pedagogia e Scienze Politiche, è dottore di ricerca in Sociologia. È stato maestro e dirigente scolastico, e ha pubblicato numerosi libri in campo educativo. È responsabile di un progetto nazionale per contrastare la povertà educativa dal titolo: L’Ora di Lezione Non Basta, finanziato dall’Impresa Sociale Con i Bambini.

1. La scuola è una comunità di gioia  

Nella clausura a causa del Covid-19 in qualche modo è emersa una domanda di comunità alla quale è chiamata a rispondere anche la scuola. Si parla della comu­nità come comunità della gioia, sollecitati dalle riflessioni del giornalista americano David Brooks. Si presenta inoltre l’esperienza della scuola Sanchez di S. Francisco e si fanno considerazioni sulla necessità di passare dall’Io al Noi.

La comunità è come una “piscina”

La gioia e la comunità  

La scuola Sanchez di San Francisco  

Il pianto e la comunità  

Collaborare e scambiare   

Lasciare l’amigdala per il mouse  

2. L’acqua in cui nuotiamo  

Partendo da una metafora di Wallace sui pesci che non riconoscono l’acqua, de­scrivo alcune caratteristiche dell’organizzazione-scuola che la letteratura di settore non mette sufficientemente in evidenza. Ci riferiamo al carattere avvolgente, alla dimensione della ribalta (sul proscenio senza saperlo), alla femminilizzazione che ha un impatto poco studiato sulla proposta educativa, alla densità organizzativa, ora oggetto di preoccupazione a causa della pandemia.

Una diffusione capillare

Lo schema cells & bells   

Una vita a scuola: il carattere avvolgente   

Avulsa dal mondo?

Sempre alla ribalta senza saperlo   

Lo squilibrio di genere: un’organizzazione al femminile  

3. La differenziazione sociale e dell’insegnamento  

La differenziazione dell’insegnamento è un aspetto centrale per l’innovazione di­dattica. In questo capitolo si individua una relazione stretta tra questa e il concetto di differenziazione sociale elaborato da Emile Durkheim, rivalutando il tema della solidarietà organica che lega la comunità e l’individuo, dove quest’ultimo è po­sto nella condizione di scoprire la sua originale vocazione in una prospettiva di interdipendenza. Emerge l’importanza della giustizia riparativa di contro a quella contributiva.

La densità della popolazione scolastica  

Differenziare il lavoro  

La vocazione e la giustizia riparativa  

La differenziazione delle attività e la scuola  

La piattezza organizzativa come solidarietà meccanica  

L’egualitarismo e la società della trasparenza  

4. Il pachiderma liquido  

Si illustrano una serie di aspetti che fanno generalmente della scuola l’istituzione più capillarmente diffusa nel mondo e nei territori, indicandone, di nuovo, le pe­santezze che impediscono i cambiamenti e che influenzano anche le pesantezze della vita di una società: si tratta di un modello globalizzato centrato sullo schema cells & bells.

Una mole gigantesca  

La pletora di piani e di obiettivi

L’età appesantisce?

La liquidità: precarietà e turnover  

La liquidità e l’organizzazione che ricomincia da capo   

La liquidità e i risultati  

5. La leggerezza del sapere di non sapere

Il capitolo si apre con la storia di due ciclisti: Chiappucci e Cassani protagonisti della famosa corsa della coppa Placci, come storia dove la competizione esaspe­rata fa perdere entrambi gli atleti. Riprendo il tema della comunità professionale in relazione agli approcci interdisciplinari e alla intelligenza collettiva. Ci si sofferma sulla questione dell’autorità e della possibile visione di una gerarchia di servizio, fondata sulla fiducia, dove al riconoscimento del merito (l’onore) fa da riscontro la richiesta di responsabilità (l’onere).

La fiducia e l’umiltà  

L’autorità e il sapere di non sapere

Sulle spalle dei giganti  

La connessione dei saperi e la comunità professionale  

Aprire la scatola nera  

La didattica al primo posto  

6. Pesantezza e leggerezza della cultura organizzativa  

Ritorno sul tema della comunità professionale a partire dai 7 aspetti della cultu­ra organizzativa proposti da Gruenert e Whitaker, che ho disposto sul continuum pesantezza-leggerezza, concludendo con la proposta di uno strumento per valutare i climi organizzativi e accennando al sistema di miglioramento racchiuso nell’acro­nimo GAS.

Una gerarchia di servizio  

Il clima, la mission e la vision  

Il linguaggio  

Le routine, i riti e le cerimonie  

I simboli, i ruoli e gli eroi  

Rilevare le tipologie di cultura della propria scuola

Gli artefatti materiali e la cultura dell’organizzazione  

7. La leggerezza nella didattica e nell’organizzazione  

La connessione tra didattica e organizzazione è ancora una questione tutta da af­frontare per trovare linee che rispondano ad un Approccio Globale al Curricolo. L’organizzazione scolastica, come molte altre organizzazioni pubbliche e private, è guidata da una cultura improntata alla sfiducia verso i collaboratori, all’attenzio­ne esasperata verso i risultati e gli obiettivi impiegati come strumenti di controllo. Controllo e mancanza di fiducia che si riscontrano nelle didattiche tradizionali diffuse a livello planetario. Si conclude con alcune indicazioni su come ripensare la formazione dei docenti prendendo spunto dall’esperienza e dall’elaborazione di Doug Lemov.

Il come dell’organizzazione e della didattica  

La differenziazione nel lockdown e la comunità  

La formazione on/off dei docenti  

L’aula come simulatore di volo  

Il paradigma dell’artigiano  

8. La mappa dello studente e la mappa della comunità  

Le mappe sono strumenti importanti per conoscere i territori sociali e quelli perso­nali. La conoscenza della comunità e dello studente sono essenziali per combattere la povertà educativa e migliorare la proposta formativa, prestando fede al rispetto delle caratteristiche originali di ciascun studente. In questo capitolo si danno anche spunti su come elaborare tali mappe.

L’efficacia della comunità dei docenti  

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio  

La mappa della comunità  

Cerchi concentrici: dal locale al globale  

La mappa dello studente  

Differenziare fa bene  

La mappa dei colossi high tech  

9. Essere semplici, smart e leggeri

Si fa una critica alle burocrazie organizzate e pachidermiche come quella sco­lastica, si individuano i 6 principi della semplicità secondo le suggestioni di Morieaux e Tollman, per applicarli alla scuola e alla didattica. Si considera la necessità di limitare l’importanza delle impostazioni hard basate sulla pletora degli obiettivi, degli organigrammi, dei piani (i PTOF), delle valutazioni di si­stema, della raccolta di dati, che non hanno un reale impatto sull’azione degli insegnanti. Ma si riflette anche sui limiti delle proposte soft che puntano alla cura delle relazioni, senza risalire alle cause delle disfunzioni. Si fa riferimen­to alla necessità di andare oltre la mistica del management, come la definisce Thomas Sergiovanni.

I limiti dell’approccio hard  

I limiti di quello soft  

La scuola come organizzazione leggera  

Alleggerire, semplificare, andare all’essenziale  

La didattica e l’organizzazione  

10. Diamo GAS alla scuola

Il capitolo presenta la visione leggera di Apple dell’educazione e successivamente si indicano 4 spinte gentili e perciò leggere, sulla scorta dell’apporto di Thaler e Sunstein, che ci aiutano a cambiare i comportamenti in vista dei valori che apprez­ziamo. Si conclude illustrando il metodo GAS per migliorare l’organizzazione e la didattica.

La visione leggera di Apple

La semplicità e la leggerezza  

Collaborare e dare feedback: il duty of dissent  

Gli strumenti della didattica: la realtà aumentata  

Apple, i tre valori e l’Approccio Globale al Curricolo  

Capire il contesto, non dare la colpa

Quattro spinte gentili

GAS: documenti, visualizzazioni, spazi e strumenti didattici  

11. La leggerezza e lo zaino  

La scuola dei contenuti essenziali, degli ambienti sobri e attrezzati, dell’interdisci­plinarità, del curricolo integrato, delle competenze di cittadinanza è una scuola leggera ed ecologica nell’organizzazione, negli spazi e nei saperi. L’abolizione del­lo zaino consente questo ripensamento e, sulla scorta delle Lezioni Americane di Italo Calvino, si individua una chiave di lettura per il Terzo Millennio proprio nella leggerezza.

Il messaggio dello zaino  

La diversità non è riconosciuta   

I contenuti essenziali si sono persi  

La comunità è assente  

Il posto di lavoro non è attrezzato  

L’ambiente è inospitale  

L’anestetica al posto dell’estetica

Il mondo nel 2100  

L’aula: una struttura obsoleta?

Togli lo zaino e metti ordine nella tua vita  

Stefano Benni, Gesù e l’elogio della leggerezza di Italo Calvino

12. Gli spazi, le mani e il supermercato  

Lo spazio scolastico è organizzato in modo paradossale: il back, cioè gli uffici, è or­dinato e attrezzato, il front, le aule, vuoto e disadorno. Al contrario di altri contesti come il supermercato dove il front, frequentato dai clienti, è bello, spazioso, orga­nizzato, mentre il back può non avere queste caratteristiche. Si fa anche l’esempio della biblioteca come spazio strutturato e ordinato che può ispirare la scuola. Viene messo in evidenza il fatto che la dimensione 2Dfa la parte del leone nei contesti formativi a discapito di quella 3D. Anche dopo la clausura, imposta dalla pande­mia, si sente l’esigenza di ritrovare un nuovo equilibrio tra tattile e digitale, reale e virtuale. Come integrare un contesto 2D con uno 3D, l’astratto e il mero visuale con il corporeo e lo spaziale? Quanto la scuola deve progredire nell’integrazione e nella ricerca di una strada equilibrata?

Le aule degli studenti e il classroom tour  

Le mani abolite?

I makers artigiani del Terzo Millennio  

L’ A4 manca di spessore  

Gli screen, i computer e la realtà reale  

Il supermercato ci insegna

La biblioteca è un esempio  

L’architettura delle scelte  

13. Il bastone e la carota appesantiscono  

La valutazione è il grande problema della scuola a tutte le latitudini. Si pone dap­pertutto enfasi sulla valutazione della persona che diventa giudizio, colpa, macigno sulle spalle. Lodi e reprimende, premi e punizioni, bastone e carota sono gli stru­menti principali per motivare gli studenti. Eppure la letteratura psicologica e peda­gogica, ma anche ultimamente quella manageriale, ne denuncia le incongruenze e l’inefficacia. Molte organizzazioni pubbliche e private a livello globale stanno ab­bandonando questo sistema che si fonda sulla sfiducia e la deresponsabilizzazione. La scuola ha il compito di voltare pagina.

L’enfasi sul successo  

L’otium come cura dell’anima  

Non giudicate per non essere giudicati  

Il successo e Weber  

L’insurrezione digitale  

I confini che sanano e la società del tutto  

La motivazione intrinseca  

L’educazione produce saggezza  

14. La genesi e il curricolo-percorso   

Si dimentica che curricolo sta per strada, percorso, itinerario e non solo per inse­gnamento di discipline di studio. Il curricolo dovrebbe ricollegarsi a grandi narra­zioni, a racconti cosmici, come quello proposto da Maria Montessori, agli scenari disegnati da Morin e più recentemente dal movimento globale della Big Histo­ry for School. In gioco c’è lo sviluppo di un’autentica cultura ecologica, come ci chiedono gli obiettivi dell’Agenda 2030 e la Carta della Terra. In tale orizzonte le discipline riacquistano un significato e il soggetto in formazione ha l’opportunità di confrontarsi con la sua vocazione e le sue potenzialità, che gli consentono di capire come inserirsi attivamente nella società, dando il suo apporto originale, trovando il proprio cammino nella sua comunità, nel suo Paese, nel Mondo, in definitiva promuovendo una nuova relazione tra natura e cultura.

Generare, dare inizio  

Il curricolo, la strada della vita e il rugby  

La Carta della Terra   

Dewey: la vita del bambino e il programma scolastico

Big History for School

15. La leadership educativa leggera  

La leadership educativa leggera considera il sistema delle attività e si ispira alla servant leadership. Ai leader delle scuole è chiesto di approfondire i seguenti aspet­ti: la conoscenza del mondo e della scuola; lo sviluppo della scuola-comunità, il potenziamento della comunità educante, la focalizzazione sull’allineamento con­testuale, la connessione tra didattica e organizzazione.

Il sistema delle attività  

La servant leadership  

Sviluppare la leadership educativa leggera  

16. Per concludere  

Bibliografia  

Ringraziamenti


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top